Papa Francesco alla Via Crucis: "Vergogna per sangue migranti e scandali Chiesa"

Italia, Sabato 15 Aprile 2017 - 08:46 di Redazione

"Vergogna per tutte le immagini di devastazione, di distruzione e di naufragio che sono diventate ordinarie nella nostra vita. Vergogna per il sangue innocente che quotidianamente viene versato di donne, di bambini, di immigrati e di persone perseguitate per il colore della loro pelle, oppure per la loro appartenenza etnica e sociale, e per la loro fede in te". E' il grido di papa Francesco, nella sua invocazione al termine della Via Crucis al Colosseo. "Vergogna - ha detto ancora - per tutte le volte che noi vescovi, sacerdoti, consacrati e consacrate, abbiamo scandalizzato e ferito il tuo corpo, la Chiesa, e abbiamo dimenticato il nostro primo amore, il nostro primo entusiasmo e la nostra totale disponibilità, lasciando arrugginire il nostro cuore e la nostra consacrazione"."Vergogna - ha proseguito - per il nostro silenzio dinanzi alle ingiustizie, per le nostre mani pigre nel dare e avide nello strappare e nel conquistare". "Per la nostra voce squillante nel difendere i nostri interessi e timida nel parlare di quelli altrui. Per i nostri piedi veloci sulla via del male e paralizzati su quella del bene".Decine di migliaia i fedeli presenti, tra imponenti misure di sicurezza.I testi delle meditazioni e delle preghiere proposte per quest'anno per le stazioni della Via Crucis sono stati preparati dalla biblista francese Anne-Marie Pelletier.Al suo arrivo al Colosseo per il rito della Via Crucis, papa Francesco è stato accolto tra gli altri dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, con la quale si è intrattenuto per alcuni istanti scambiando con fare sorridente alcune cordiali battute.Nel rito della Via Crucis al Colosseo, presieduto stasera da papa Francesco, a portare la croce nelle 14 stazioni, saranno prelati, laici, religiosi, famiglie di vari Paesi. Nella prima e nella 14/a il compito toccherà al cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini. Gli altri portatori di croce saranno una famiglia romana, un disabile in carrozzina con i suoi assistenti Unitalsi, due studentesse (una polacca e una italiana), due altri laici da Rimini. Poi esponenti di Paesi che il Papa visiterà nelle prossime settimane o mesi: tre suore dall'India; due suore e due laici dall'Africa (Burkina Faso e Repubblica Democratica del Congo); una famiglia dall'Egitto, due laici dal Portogallo; una famiglia dalla Colombia. Quindi due coniugi francesi, due laici dalla Cina e due frati francescani, uno argentino e uno israeliano, della Custodia di Terra Santa. 

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code