Crollo ponte Genova, funerali di Stato per le vittime

Italia, Sabato 18 Agosto 2018 - 17:26 di Redazione

Si sono svolti a Genova i funerali di Stato per 19 delle 42 vittime del crollo del ponte Morandi. In prima fila il presidente della Repubblica Mattarella e il premier Conte. Il disastro, ha detto l'arcivescovo di Genova, cardinale Bagnasco, 'ha provocato uno squarcio nel cuore di Genova. La ferita è profonda', e 'la giustizia doverosa non cancellerà la tragedia', ma la città 'non si arrende: l'anima del suo popolo continuerà a lottare' e 'sapremo trarre dal nostro cuore il meglio'.

Applausi alla lettura del nome delle vittime ed al momento in cui il cardinale ha citato i vigili del fuoco e la loro 'professionalità generosa'. In città le campane delle chiese hanno cominciato a suonare a morto all'inizio della cerimonia, durante la quale anche i negozi sono rimasti chiusi. Fermi pure i lavori nel porto."Il crollo del ponte Morandi sul torrente Polcevera - ha detto Bagnasco - ha provocato uno squarcio nel cuore di Genova. La ferità è profonda, è fatta innanzitutto dallo sconfinato dolore per coloro che hanno perso la vita e per i dispersi, per i loro familiari, i feriti, i molti sfollati. Innumerevoli sono i segni di sgomento e di vicinanza giunti non solo dall'Italia, ma anche da molte parti del mondo. Sappiamo - ha proseguito il cardinale - che qualunque parola umana, seppure sincera, è poca cosa di fronte alla tragedia, così come ogni doverosa giustizia nulla può cancellare e restituire. L'iniziale incredulità e poi la dimensione crescente della catastrofe, lo smarrimento generale, il tumulto dei sentimenti, i 'perché' incalzanti, ci hanno fatto toccare ancora una volta e in maniera brutale l'inesorabile fragilità della condizione umana".

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code