Malaria, inchiesta a Trento per omicidio colposo. "Stesso parassita di due bambine ricoverate"

Il parassita che ha causato la malaria a Sofia, la bimba trentina di 4 anni morta a Brescia, dopo il ricovero a Trento, è il Plasmodium falciparum, lo stesso che aveva fatto ammalare due bambine di 4 e 11 anni di ritorno dal Burkina Faso che erano in pediatria a Trento negli stessi giorni della piccola. Inoltre c'erano anche la mamma e un fratello più grande, adolescente, ricoverati invece nel reparto degli adulti. Tutti e quattro sono guariti e sono ormai stati dimessi.Il parassita in questione è il Plasmodium falciparum "ma possono esserci - spiega Nunzia Di Palma, direttrice dell'unità operativa di pediatria dell'ospedale di Trento - diversi ceppi. Da appurare è quindi se sia o meno lo stesso. Di questo si sta occupando l'Istituto superore di sanità"."Se dalle analisi in corso emergesse che il ceppo o variante di Plasmodium Falciparum che ha provocato la malaria nei due bambini ricoverati a Trento e nella piccola Sofia fosse lo stesso, allora il contagio della bambina sarebbe sicuramente avvenuto in ospedale ma resterebbe da capire in che modo", afferma all'ANSA il vicepresidente della Società italiana di malattie infettive e tropicali, Massimo Galli. Se il ceppo "risultasse invece differente, allora il contagio sarebbe avvenuto in un contesto diverso".

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code