Mafia rurale, Gratteri: "La collettività sta venendo a denunciare. Questo ci conforta" (VIDEO)

Calabria, Giovedì 07 Dicembre 2017 - 17:52 di Redazione

"La collettività sta venendo a denunciare, viene da noi. Questo ci conforta". Così Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Catanzaro, ha commentato ai nostri microfoni gli arresti eseguiti questa mattina. La polizia ha arrestato, su disposizione della Dda di Catanzaro, esponenti di rilievo e affiliati della cosca Gallelli, operante nel basso versante ionico, ritenuti responsabili di numerose estorsioni ai danni di un'impresa agricola di una nota famiglia di latifondisti.Nell’ambito di una operazione denominata “ Pietranera ”, ha eseguito n. 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP Distrettuale di Catanzaro su richiesta della Procura della Repubblica – D.D.A., a carico di:1.     GALLELLI Vincenzo, cl. 43, intenso “Cenzo Macineju”2.     SANTILLO Andrea, cl. 60, inteso “Nuzzo”3.     SANTILLO Antonio, cl. 894.     GALLELLI Antonio, cl. 805.     LAROCCA Francesco, cl. 666.     NISTICO’ Giacomo, cl. 677.     CAPORALE Giuseppe, cl. 81  gli indagati, tutti del comprensorio di Soverato, sono ritenuti colpevoli, a vario titolo, di più episodi di estorsione aggravata dalla metodologia mafiosa, nei confronti di due imprenditori agricoli con attività ubicata nel Comune di Badolato. 



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code