Giovani e povertà, i numeri della manovra da 20 miliardi

Italia, Martedì 03 Ottobre 2017 - 19:01 di Redazione

La manovra per il 2018 parte da un valore di quasi 20 miliardi (19,58), circa l'1,1% del Pil e sarà coperta per 10,9 miliardi in deficit e per 8,62 miliardi da nuove entrate, tra cui potrebbe figurare anche la web tax, e tagli di spesa.A declinare i numeri della prossima legge di Bilancio è il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, spiegando che ci potranno essere al massimo delle "variazioni al margine" rispetto alla tabella consegnata al Parlamento e che le "risorse limitate" che restano una volta sterilizzati gli aumenti di Iva e accise (15,7 miliardi nel 2018 e 11,4 nel 2019) andranno a incentivare la crescita.Nella tabella sono indicati impieghi, cioè nuove norme, per 3,8 miliardi. "Misure selettive", ha ribadito Padoan, sottolineando però che avranno però un "impatto significativo" sul Pil 2018, lo 0,3%.Ecco in sintesi i numeri della prossima manovra:- NEL 2018 338 MLN PER ASSUNZIONI GIOVANI, POI SI SALE: la dote iniziale per il nuovo 'bonus giovani' è di 338 milioni, che diventano 2,162 miliardi l'anno successivo e quasi 4 miliardi nel 2020. Nel pacchetto 'competitività e innovazione' vanno inclusi gli incentivi di 'Impresa 4.0' alle imprese, da super e iperammortamento al nuovo credito d'imposta per la formazione 4.0, che hanno effetti sui conti a partire dall'anno successivo a quello dell'entrata in vigore delle misure.- LOTTA A POVERTA', 2,7 MLD IN PIU' IN 3 ANNI: per la coesione sociale, e il finanziamento del nuovo reddito di inclusione che rappresenta il principale strumento di lotta alla povertà, il governo mette sul piatto 600 milioni in più nel 2018, 900 milioni nel 2019 e 1,2 miliardi nel 2020.- 2,6 MLD A POLITICHE INVARIATE, ANCHE RINNOVO STATALI: per finanziare le misure già in vigore, che hanno bisogno però di nuovi fondi, ci saranno 2,6 miliardi nel 2018 che diventano circa 3 miliardi nel biennio successivo. Questa voce include anche le risorse necessarie a garantire il rinnovo del contratto degli statali, con gli aumenti medi di 85 euro al mese.- A INVESTIMENTI PUBBLICI 300 MLN 2018, 1,3 MLD 2019: più fondi in arrivo anche per il capitolo 'sviluppo' che si articola principalmente negli investimenti delle amministrazioni centrali e locali. In arrivo 300 milioni aggiuntivi nel 2018, 1,3 miliardi nel 2019 che salgono ancora a 1,9 miliardi nel 2020.- TAGLI SPESA PER 3,5 MLD, 5 DA EVASIONE. AVANTI WEB TAX: riduzione di fondi e trasferimenti e la spending review dei ministeri (1 miliardo l'anno) dovranno portare 3,5 miliardi di coperture. Altri 5,1 miliardi arriveranno dalla lotta all'evasione, in particolare dell'Iva. Apertura di Padoan anche in direzione dell'introduzione della web tax, dopo il primo passo fatto in 'manovrina' in aprile.

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code