Intercettazioni: sì Cdm a riforma, in vigore tra 6 mesi

Italia, Venerdì 29 Dicembre 2017 - 18:42 di Redazione

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera definitivo alla riforma delle intercettazioni, che entrerà in vigore dopo sei mesi dalla sua pubblicazione, prevista per gennaio. Solo una norma, quella che sancisce il diritto dei giornalisti ad avere copia dell'ordinanza di custodia cautelare, una volta resa nota alle parti, sarà invece efficace tra un anno.Orlando, ora protetta la privacy  - "Abbiamo un Paese che utilizza le intercettazioni per contrastare la criminalità e non per alimentare i pettegolezzi o distruggere la reputazione di qualcuno". Lo afferma, al termine del Cdm che ha dato l'ok alla riforma delle intercettazioni, il ministro della Giustizia Andrea Orlando sottolineando come il provvedimento, "senza restringere, ma anzi autorizzando ad intercettare in un modo più agevole, impone una serie di vincoli e divieti che impediscono di usarle come strumento di diffusione di notizie improprie". Quella dell'Anm sull'eccessivo potere dato dalla riforma alle intercettazioni alla polizia giudiziaria "Mi pare onestamente una preoccupazione non fondata, anche perché il testo è cambiato nel senso auspicato dall'Anm anche se non esattamente come richiedeva. C'è un'interlocuzione tra pm e polizia giudiziaria per cui alla fine è sempre il pm ad essere il dominus" dell'indagine, sottolinea Orlando.La possibilità da parte dei giornalisti di pubblicare le ordinanze di custodia cautelare "è stata inserita nel decreto anche se è differita di qualche mese rispetto all'entrata in vigore" del provvedimento "per un semplice motivo: al governo in carica competerà verificare se ci sarà effettivamente un'evoluzione delle ordinanze. Noi pensiamo a delle ordinanze che non siano più il copia-incolla di oggi, come spesso avviene. Se questo avverrà e la prassi del copia incolla viene superata mi sembra ragionevole che si possa arrivare alla loro pubblicazione". Lo afferma il ministro della Giustizia Andrea Orlando al termine del Cdm sulla riforma delle intercettazioni. "Se questo non avverrà il governo a quella data valuterà come precedere", spiega il Guardasigilli.Anm,troppo potere a polizia giudiziaria - "Non una bocciatura, ma nemmeno una condivisione entusiastica". Eugenio Albamonte sintetizza così il giudizio dell'Associazione nazionale magistrati, di cui è presidente, sulla riforma delle intercettazioni, che domani (oggi, ndr) sarà varata in via definitiva dal Consiglio dei ministri. Perchè, spiega, "aver acceso una riflessione molto attenta su intercettazioni e privacy è un passo avanti culturalmente importante che condividiamo. Ma dal punto di vista delle modalità operative scelte si poteva fare meglio, qualche ombra è rimasta". Su quale sia il "punto di caduta più negativo della riforma" Albamonte non ha dubbi: è "lo strapotere della polizia giudiziaria nella selezione delle intercettazioni". La norma prevede che quelle giudicate irrilevanti non vengano trascritte ma sia indicato nel verbale soltanto il tempo di registrazione e l'utenza intercettata. Così però, "senza che venga indicato un minimo di contenuto dell'intercettazione ritenuta irrilevante, diventa impossibile un vero controllo da parte del pm". Con rischi altissimi e incomprensibili anche alla luce di quello che è appena successo nell'inchiesta Consip: "è paradossale che, avendo vissuto da poco il trauma di intercettazioni mal trascritte e gli echi politici e istituzionali che ne sono derivati, si creino le condizioni per ulteriori errori che, diversamente dalla vicenda a cui faccio riferimento, non saranno verificabili ex post". Albamonte non lo dice esplicitamente ma pensa a quella frase pronunciata dall'ex parlamentare Italo Bocchino e attribuita invece dal capitano del Noe Scafarto, ad Alfredo Romeo come prova di un incontro tra l'imprenditore e Tiziano Renzi, padre del segretario del Pd. Una vicenda scoperta dai pm romani che hanno messo Scafarto sotto inchiesta. Ora invece rimediare a errori del genere da parte dei pm non sarà possibile,spiega il leader dell'Anm, "se non andandosi a risentire tutti i nastri,il che equivarrà a cercare un ago nel pagliaio". Un modo per risolvere il problema c'era e lo avevano indicato diversi procuratori: attribuire alla polizia giudiziaria il potere di selezionare le intercettazioni "manifestamente irrilevanti". Un suggerimento che è rimasto inascoltato, così come la richiesta dell'Anm di un ripensamento sulle limitazioni introdotte all'utilizzo dei trojan, cioè dei captatori informatici, nelle intercettazioni ambientali per reati diversi da terrorismo e mafia. E' questo l'altro punto dolente della riforma: "c'è una riduzione fortissima dell'uso di questo strumento che provocherà un nocumento molto serio alle indagini". "Positive" invece le ultime modifiche che il Cdm introdurrà: "l'allargamento delle maglie della consegna degli atti ai difensori" e la possibilità per i giornalisti di ottenere e pubblicare l'ordinanza di custodia cautelare, "apprezzabile per il suo valore simbolico". Ma anche in questo caso c'è un neo: "Non si capisce perchè bisogna aspettare 12 mesi per l'entrata in vigore di questa sola norma, su cui sono d'accordo sia gli operatori del diritto sia Parlamento e Governo".Penalisti, difesa diventa impossibile  - "E' una riforma che non possiamo considerare positiva perchè per tutelare privacy e riservatezza si è scelto di limitare fortemente il diritto di difesa. Il che crea danni significativi a chi si trova coinvolto il vicende giudiziarie. Già oggi difendere e complicato. Un domani diventerà pressoché impossibile, tanto meno nella fase cautelare". Resta molto severo il giudizio dell'Unione delle camere penali sulla nuova legge sulle intercettazioni, che domani (oggi, ndr) riceverà il via libera definitivo del Consiglio dei ministri. "Per fare riforma in materia penale ci vuole coraggio, ma questo coraggio non c'è stato" commenta sconsolato Rinaldo Romanelli, componente della giunta dell'Upci. E a cambiare il punto di vista critico dei penalisti non sono bastate le ultime modifiche introdotte: cioè aver innalzato da 5 a 10 giorni il termine attribuito ai difensori per esaminare il materiale intercettato (con una proroga sino a 30 giorni se la documentazione è molto ampia e complessa); e avere vietato, fermo restando il divieto di intercettare i colloqui tra assistito e avvocato, la verbalizzazione di quelle conversazioni occasionalmente captate. "Sono modifiche di dettaglio" taglia corto Romanelli, che se riconosce come sia comunque "meglio aver portato a 10 giorni il termine per l'esame e aver previsto per legge la proroga a 30", giudica "estremamente negativo" non essersi spinti più in là che vietare la verbalizzazione dei colloqui tra difensore e assistito: "perchè cosi quei colloqui non finiranno sui giornali, ma saranno ascoltati dalla polizia giudiziaria", con la possibilità di mettere a conoscenza anche il pm della strategia difensiva di chi è indagato. Si doveva compiere un passo in più: stabilire che se casualmente viene captata la conversazione tra assistito e avvocato "si deve staccare l'intercettazione". Al di là degli ultimi emendamenti, "il vulnus di questa riforma resta: non dare copie agli avvocati di tutto il materiale intercettato". Una ferita tanto più grave, visto che oggi "tanti processi si fanno sulla base delle intercettazioni: "migliaia" di colloqui captati anche nei procedimenti più banali, con numeri che diventano "10-20 volte maggiori" nei casi giudiziari di maggiore importanza. Per questo aver corretto all'insù i termini per la consultazione del materiale depositato cambia poco, visto che in procedimenti dove "il 98% per cento del materiale intercettato è irrilevante,non bastano 10 giorni" per trovare invece le conversazioni utili alla difesa. Una ricerca che sarà possibile solo ai grandi studi legali. E gli indagati che non possono permetterseli saranno "barchette alla deriva in un mare in tempesta".

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code