Lorenzin, sanzioni a chi non vaccina per ideologia

"Le uniche famiglie che saranno sanzionate sono quelle che non hanno voluto vaccinare i figli per motivi ideologici. Noi dobbiamo garantire la sicurezza di tutti i bambini". Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in riferimento alla scadenza del 10 marzo per la presentazione delle certificazioni di vaccinazione per le iscrizioni scolastiche. "Ci sarà un'applicazione pedissequa della legge - ha detto a margine della presentazione del portale ISSalute, dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss)-. Chi pensava che non facessimo sul serio si sbagliava di grosso".Lorenzin, segnalati cartelloni per procurato allarme. "Sono intervenuta rispetto alle autorità cittadine ma anche segnalando questi manifesti alle autorità competenti per verificare se siamo di fronte a un caso di procurato allarme". Così il ministro della Salute Beatrice Lorinzin in merito ai cartelloni no vax affissi in Emilia Romagna. "Il caso emiliano è un caso incredibile,- ha detto a margine della presentazione del portale di informazione a cura dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) ISSalute.it -. Parliamo di manifesti 6 metri per 3, affissi per tutta la regione, che distorcono i dati dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), creano procurato allarme e terrore nei cittadini. E' incredibile - ha concluso - che possa accadere in una regione dove c'è un livello di sanità altissimo, ma dove ci sono anche personaggi come Montanari ed altri che sono il nucleo portante dei no vax".Ricciardi (Iss), bene tutte le Regioni, preoccupa Bolzano. "Tutte le Regioni stanno andando molto bene sul fronte delle vaccinazioni e stanno recuperando quote di bambini in vista della scadenza del 10 marzo per la presentazione delle certificazioni di vaccinazione ai fini delle iscrizioni a scuola. Oggi l'unica vera preoccupazione che abbiamo è però Bolzano". Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, sottolineando che nella Provincia autonoma "sono ancora migliaia i bambini che non sono in regola con la legge sull'obbligo vaccinale". In generale, ha sottolineato, "possiamo dire che la situazione è andata positivamente al di sopra delle nostre aspettative, con molte Regioni che hanno superato la soglia del 95%, ad esempio per la vaccinazione esavalente". A Bolzano invece, "è impressionante vedere che ci sono assessori e rappresentanti della Provincia che in qualche modo incitano a non rispettare la legge, e questo è davvero sconcertante".

Ansa



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code